08 lug 2013

LA SIMONETTA (studentessa di ingegneria e... partigiana)

S’incominciava davanti alla facciata sbilenca di santa Sofia, dove avevamo appuntamento. Era mattina; la Simonetta era in elegante-sportivo. Aveva una bella bicicletta leggera da donna, coi cerchioni lucenti di alluminio, e una posa in bicicletta che era la quintessenza della grazia sportiva. Era una posa inventata da lei; che più tardi si diffuse in Italia, e la gente che ha occhio per certe cose le associa credo con le ragazze italiane del dopoguerra. Le ragazze inglesi in quegli anni del primo dopoguerra andavano in bicicletta in tutt’altro modo; bello anche questo, per la verità; ma l’altro, italiano, era incomparabilmente più moderno. L’aveva inventato la Simonetta.
Non mi ricordo dove e come mangiassimo; certo, in segreto, ci scambiavamo i succhi della nostra gioventù, io almeno penso di essermi nutrito principalmente della figuretta vivace, dei maglioncini grigi, delle sottane dal taglio sportivo, del viso senza rossetto. Non mi sognavo nemmeno di corteggiarla. Lei si spogliava , quando andavamo a dormire, anche nella paglia; io mi voltavo dall’altra parte ad aspettare che si spogliasse, chiaccherandole. Quando eravamo distesi uno vicino all’altra, le chiaccheravo un altro po’, poi dicevamo: "dormi bene", e dormivamo.
   Dev’essere la più graziosa partigiana del secolo, pensavo; certamente la più elegante. Quando mi svegliavo prima di lei alla mattina, e me la trovavo accanto, trasalivo. La guardavo dormire , serena, carina, dolcemente posata sulla paglia. Come si concentrano le cose: si taglia il grano, si ammucchia la paglia, si allevano i bambini e le bambine, si cominciano le guerre, cento correnti s’incrociano, e a un certo punto c’è la Simonetta in questa guerra, su questa paglia.
 http://img2.webster.it/BIT/076/9788817010764g.jpgSo ancora com’erano gli occhi guardati da vicino vicino; nella vita normale non erano quelli che si dice begli occhi, di quelli che paiono fiori, o stelle; erano occhi qualunque, tra il verde e il grigio direi, giovani, abbastanza attraenti. Invece guardandoli da vicino, si scopriva una qualità singolare; erano variopinti, e contenevano la miniatura di un bel giardino, nel quale mi pareva di entrare.

brani tratti da
"I PICCOLI MAESTRI"
di LUIGI MENEGHELLO

4 commenti:

  1. non conoscevo questo autore però sere mi hai davvero incuriosita a leggere I piccoli maestri

    buon inizio settimana
    xoxo

    NEW POST!!!

    RispondiElimina
  2. Vendy:

    "I piccoli maestri" di Meneghello è bellissimo, ti conquisterà, c'è anche il film con Stefano Accorsi, un bel film ma come spesso accade...il libro è meglio!

    RispondiElimina
  3. il Meneghello, un vicentino di grande spessore, letto... mi manca il film di Accorsi, però sono titubante alle rappresentazioni cinematografiche dopo che ho letto un libro.. che dici? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è INARRIVABILE, ma anche il film alla fine l'ho visto (un paio di volte!) volentieri...sarà che l'hanno girato proprio ad Asiago, sarà la scelta buona degli attori... prendi le distanze dal libro di Meneghello (grande personaggio, tra l'altro) e guardalo...

      Elimina

commentate ma soprattutto leggete e diffondete quando lo ritenete giusto e conforme al vostro pensiero..